Comune di Boscoreale

La Storia di Boscoreale

Amministrazione Trasparente
Comune di Boscoreale

Attenzione: per consultare la pagina "", verrai reindirizzato sul Portale del Comune di Boscoreale dedicato alla Trasparenza.
Attendi qualche secondo per accedere automaticamente, o entra subito nel Portale della Trasparenza.

Annulla e rimani sul sito Istituzionale
Comune di Boscoreale
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Boscoreale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sulla nostra pagina google plus Seguici sul nostro account Twitter Visita il nostro canale Youtube Telegram - Canale istituzionale Seguici tramite feed RSS
La Storia di Boscoreale
Home Page » Città » La Storia » La Storia di Boscoreale
Icona freccia bianca

Boscoreale
Comune in provincia di Napoli, da cui dista km 24, istituito con legge 9.8.1806 dal Re di Napoli, Giuseppe Napoleone, si estende per Km.11.200 e confina a nord con Terzigno e Poggiomarino, a ovest con Boscotrecase e Torre Annunziata, a sud con Torre Annunziata, Pompei e Scafati e ad est con Scafati. Il centro urbano è adagiato alle falde sud-orientali del Panorama di BoscorealeVesuvio, a quota 55 metri s.l.m.. Con le frazioni Pellegrini, Marchesa, Cangiani e Marra, la cittadina conta 28.490 abitanti (al 30 settembre 2014).
Il territorio adesso occupato dal Comune di Boscoreale era abitato già in età preistorica. Tra il IX e VI secolo avanti Cristo gli Osci attendevano alla coltivazione dei campi e di loro abbiamo testimonianza attraverso le tombe rinvenute in contrada Marchesa, appartenenti alla cosiddetta cultura delle tombe a fossa. In età sannitica e romana (IV sec. a.C. - 79 d.C.) ville di produzione erano disseminate sulle pendici collinari intorno a Pompei e sulle circostanti alture vesuviane. Il sito in età augustea si denominò probabilmente Pagus Augustus Felix Suburbanus, costituendo anche una specie di distretto elettorale con proprie cariche a metà religiose, a metà amministrative, come quelle dei magistri pagi e dei ministri pagi. Scavi archeologici effettuati tra l'Ottocento e i principi del Novecento, hanno riportato alla luce circa trenta ville, alcune delle quali divenute celebri nel mondo per i loro ritrovamenti. La più importante è quella cosiddetta di Lucio Cecilio Giocondo, scavata dall'on. Vincenzo De Prisco nel 1894-99 in un suo fondo di via Settetermini alla Pisanella.
Tesoro di argenterieVi si rinvenne un tesoro di argenterie (128 pezzi tra vasi, posate e oggetti) di squisita arte alessandrina, oggi al Louvre di Parigi. Tale villa è inoltre fondamentale per lo studio degli apprestamenti agricoli romani. Altra villa famosa è quella cosiddetta di Publio Fannio Synistore, portata alla luce nel 1899-1900 dal De Prisco nel fondo Vona in via Grotta.

 

Tesoro di argenterieNella grande dimora suburbana si rinvennero magnifici affreschi di II stile, conservati al Museo Archeologico di Napoli, al Metropolitan Museum di New York, al Louvre di Parigi e in altri musei esteri. Di questa villa sono celebri il cubiculum (stanza da letto) ricco di affreschi con motivi architettonici e il grande triclinio con affreschi megalografici. Nel 1906 nel fondo Zurlo-Pulzella in via Settetermini alla Pianella, si rinvenne una villa rustica di cui era proprietario o procuratore Numerio Popidio Floro. Di tale villa è oggi visibile la sola sezione bagni.
Nel centro urbano, invece, nella proprietà Greco-Uliano, alla via Vittorio Emanuele, nel 1928 si rinvenne una villa rustica che il Della Corte dal suggello ritrovato identificò quale proprietà di Marco Livio Marcello, della gens Livia. Più recente è la scoperta della villa rustica, rinvenuta nel 1977 grazie alla segnalazione del Centro Studi Archeologici, in contrada Villa Regina, in via Settetermini.
Villa RusticaTale villa rustica, interamente portata alla luce dalla Soprintendenza Archeologica di Pompei, è attualmente l'unica testimonianza visibile delle tante ville scavate a Boscoreale dall'Ottocento a oggi, poiché le altre sono state riseppellite dopo la spoliazione e il recupero degli oggetti e degli affreschi. Si tratta di un'azienda agricola di duemila anni fa. Vi si è scoperto il locale con il torchio delle uve, la vasta cantina con dolii seminfossati nel terreno (18), il piccolo salone di rappresentanza del proprietario affrescato in IV stile pompeiano, la cucina con il forno per il pane, delle camere da letto (cubicula), la stanza degli attrezzi agricoli, l'aia in cocciopesto. La villa era circondata da un giardino con viti e alberi da frutta. A cura della Soprintendenza pompeiana è stato costruito un moderno Antiquarium denominato "Uomo e Ambiente nel territorio vesuviano", dove sono conservati i materiali rinvenuti nello scavo e altri reperti provenienti dal territorio del suburbio, ricco di ville rustiche.
AntiquariumL'Antiquarium si sviluppa su due sale. La prima dedicata ai vari ambienti (mare, pianura, collina, monti), alle produzioni e attività artigianali della Pompei del I sec. d.C.. La seconda alle ville rustiche del territorio boschese.
Nel 1986 vi é stato un altro ritrovamento di villa rustica romana in via Casone Grotta, in propr. Risi Di Prisco. La villa si estende presumibilmente su un'area di 500 mq; la sua prima fondazione risale all'età repubblicana, nella prima età imperiale fu aggiunto un larario che non era ancora ultimato al momento dell'eruzione del 79 d.C.. I primi sondaggi hanno riportato alla luce solo alcuni ambienti della villa, posti su due piani diversi e relativi a fasi distinte di costruzione. Molte parti dell'intonaco dipinto e degli stucchi di decorazione si sono conservate e si attende la prosecuzione dello scavo in profondità e in estensione a cura della Soprintendenza Archeologica.
Con l'eruzione del 24 agosto del 79 d.C. il fertile territorio che produceva il famoso vinum vesvinum, esportato fin nella lontana Gallia, insieme a Pompei viene sepolto sotto una coltre di lapillo e cenere e diventa così disabitato. Solo all'inizio del III-IV sec. d.C. troviamo tracce documentate di abitanti nel luogo. Il rinvenimento di necropoli, di lucerne con il simbolo della croce, di un edificio con impianto termale, è prova sicura che la vita del luogo continuò nei suoi aspetti sociali ed economici con la trasformazione della villa rustica romana nelle ville del tardo impero, dotate di pars dominica (al proprietario) e di pars massaricia (al colono).
Nel medioevo a causa di molteplici fattori (eruzioni, incursioni barbariche e saracene, epidemie), la vita stentò a rifiorire e il territorio si trasformò in una vasta area boschiva detta nei documenti dell'epoca Nemus Schifati (Bosco di Scafati). Una ripresa di vita si ebbe nel sec. XII, quando tre chiese benedettine svolsero la loro attività sociale nel bosco, facilitando la ripresa dei terreni compromessi dalla fuga degli uomini nel periodo dell'invasione saracena, e tuttavia fertili per la presenza di elementi vulcanici. I monaci vivono in preghiera, coltivano i campi, danno aiuto ai passanti, ai pellegrini, agli infermi. Le chiese si denominavano Sancta Maria de Spelunca, Sancta Maria Paterese e Sancta Maria Chiesa Santa Maria Salòmead Jacobum. Quest'ultima ancora oggi è funzionante al culto sotto il nome di S. Maria Salòme, anche se l'attuale costruzione risale al Seicento. Nel sec. XIV il territorio è scelto quale riserva di caccia dai Re di Napoli, Carlo I, Carlo II e Roberto d'Angiò, e per tale ragione il bosco sarà chiamato Nemus Regalis cioè Bosco Reale, nome che conserva tuttora. Dal demanio regio il Bosco Reale passò in feudo a nobili famiglie quali gli Acciaiuoli (1356), i Capecelatro (1400), gli Orsini (1460), i Marzano (1495), i Maramaldo (il feudo rustico di Santa Maria Salòme nel 1532), i Piccolomini (dal 1500 ca.) i De Marino (1750). Nel Cinquecento sorgono nel Bosco Reale le prime abitazioni rurali e si realizzano vasti disboscamenti per far posto alle coltivazioni. Nel Seicento, in seguito ad una forte immigrazione dai paesi vicini, sorge il primitivo centro rurale di Boscoreale, intorno alla chiesetta di S. Maria Salòme con una popolazione di ca.1000 anime.
Chiesa Immacolata ConcezioneIl Settecento vede la costruzione della chiesa parrocchiale (1761 ca.) dedicata all'Immacolata Concezione, intorno alla quale si sviluppa il nuovo abitato. Si forma così l'attuale tracciato viario a forma di quadrilatero, composto da via Promiscua, via Giovanni Della Rocca, Via Croce e via Sotto Tenente Ernesto Cirillo, tagliato in più parti da via Vittorio Emanuele, via Tenente Angelo Cirillo e via Bellini nel senso Nord-Sud; e da via Garibaldi da Est a Ovest. Nel Settecento su queste strade, però, si affacciavano ampi giardini e cortine sparse con botteghe di artigiani e case di contadini. In particolare una delle attività artigianali primarie dei boschesi, in questo secolo, fino a giungere agli anni '50 del Novecento, fu quella degli scalpellini, maestri nel modellare la pietra lavica del Vesuvio, che era coltivata in varie cave del territorio.
In tal epoca troviamo nel paese alcune famiglie baronali come quelle degli Zurlo, dei Buonincontri, dei Quinto, dei Massa, proprietarie di vaste tenute agricole nel territorio comunale e di belle ville settecentesche. Nel 1789 il casale di Boscoreale contava 3.468 abitanti. Con la venuta dei Francesi, Boscoreale acquista l'autonomia comunale grazie alla legge del 1806 di Re Giuseppe Napoleone. In tal modo si ha la costituzione di un Municipio inteso nel senso moderno della parola. La Terra di Boscoreale ai principi dell'Ottocento comprendeva il centro urbano propriamente detto e le frazioni Pellegrini, Marchesa, Marra e Flocco a Est; le frazioni Madonna delle Grazie, Terragnete e Bottaro a Sud-Ovest; le frazioni Civita, Giuliana e Valle a Sud; il tutto con una popolazione di 5.333 abitanti nel 1816. Per tutto l'ottocento, l’attività economica va sempre crescendo specie nell'agricoltura e nell'estrazione della pietra vesuviana con la quale si provvede a opere pubbliche e private in Italia e all'estero. Nel 1877 Boscoreale si restringe in territorio cedendo le frazioni Madonna delle Grazie, Terragnete e Bottaro, in favore di Torre Annunziata, e perdendo quindi lo sbocco a mare. Nel 1884 avviene l'inaugurazione Stazione FF.SS Boscorealedel tronco ferroviario FF.SS. Torre Annunziata-Cancello e Boscoreale è servita da una stazione. Ai principi de Novecento la cittadina conta una popolazione di 9.352 abitanti (anno 1901). Nel 1905 s'inaugura, invece, la ferrovia Circumvesuviana da Torre Annunziata a Poggiomarino e il paese è quindi collegato con Napoli.
Ai principi del secolo è fiorente la produzione di botti e di fusti di legno, e l'industria dell'imballaggio dei prodotti ortofrutticoli locali che sono inviati tramite ferrovia in tutt'Italia e in Europa (segherie Carotenuto, De Stefano, Vangone). La prima industria impiantata a Boscoreale (1910) è il Pastificio Angelo Cirillo, che giungerà a produrre circa 90 quintali di pasta al giorno e si renderà famosa all'estero per la bontà dei suoi prodotti. Il 29 marzo 1928 Boscoreale perde la sua autonomia comunale, venendo aggregata con Boscotrecase alla città di Torre Annunziata. Tale aggregazione, favorita dal regime fascista, durò solo 18 anni. Al termine della II guerra mondiale, infatti, Boscoreale riacquisterà l'autonomia con Decreto Luogotenenziale di Umberto di Savoia del 24 gennaio 1946. Dopo i gravi lutti e le privazioni subite nel periodo bellico, la cittadina ha ripreso con alacrità il lavoro accostando alla tradizionale attività agricola una notevole attività industriale e a conduzione artigianale, con l'impianto d'attrezzati laboratori nel campo alimentare, manifatturiero e del terziario. Gli anni '60 e '70 hanno visto una arricchirsi e un miglioramento del tessuto urbano con la realizzazione di nuove strade, di edifici scolastici, di alloggi destinati ai lavoratori, di opere d’interesse sociale e sportivo. Il terremoto del 23 novembre 1980 ha arrecato al patrimonio urbanistico di Boscoreale, per lo più di vecchio impianto, danni notevoli. Per venire incontro ai senza tetto, con i finanziamenti dello Stato, sono sorti in Boscoreale due nuovi rioni con alloggi destinati ai terremotati locali e a quelli di Napoli. L'aumento demografico dovuto a questi nuovi insediamenti ha portato Boscoreale a una popolazione di circa Trentamila abitanti.
Si ringrazia il dr. Angelandrea Casale
Ispettore On. del Ministero per i Beni e le Attività Culturali 

Ultima modifica

domenica 02 novembre 2014

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Comune di Boscoreale
Piazza Pace 1 - 80041 Boscoreale(NA)
Centralino: 081 8574111
P. IVA 82008410639

Il sito Istituzionale del Comune di Boscoreale è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Il progetto Comune di Boscoreale è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it