Comune di Boscoreale

Maria SS. Vergine del Suffragio a Marra

Amministrazione Trasparente
Comune di Boscoreale

Attenzione: per consultare la pagina "", verrai reindirizzato sul Portale del Comune di Boscoreale dedicato alla Trasparenza.
Attendi qualche secondo per accedere automaticamente, o entra subito nel Portale della Trasparenza.

Annulla e rimani sul sito Istituzionale
Comune di Boscoreale
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Boscoreale
Seguici sulla nostra pagina facebook Seguici sulla nostra pagina google plus Seguici sul nostro account Twitter Visita il nostro canale Youtube Telegram - Canale istituzionale Seguici tramite feed RSS
Maria SS. Vergine del Suffragio a Marra
Home Page » Città » Le Chiese » Maria SS. Vergine del Suffragio a Marra
Icona freccia bianca

Parrocchia SS. Vergine del Suffragio, frazione Marra Il segno dello sviluppo della contrada, ora frazione, Marra, e della sua definita fisionomia è la costruzione, nel 1871, della chiesa della SS. Vergine del Suffragio, (oggi Oratorio della Parrocchia) a servizio esclusivo della contrada, voluta e fatta erigere da Vincenzo Tedesco, proprietario appunto dell'omonima masseria visibile tutt'oggi accosto Chiesa  Vergine del Suffragio Marra alla chiesa parrocchiale.
Tale evento è ricordato ai posteri attraverso una lapide collocata alla parete destra di chi entra nella chiesa.
Presso l'Archivio Storico Diocesano di Nola, nel Fondo Sante Visite, è riportata la Santa Visita effettuata alla chiesa di Boscoreale il 22 maggio 1889 dai "Signori Convisitatori D. Giosuè Maria Caprile Vicario Generale della Diocesi e Primo Canonico Abbate D. Nicola Spera Segretario del Clero assistiti dai Segretari D. Salvatore Parroco Maiella e D. Felice Dottore Vitolo". Per quanto concerne la Chiesa viene redatto il seguente atto: "....abbiamo visitato la Chiesa rurale di S. Maria del Suffragio volgarmente detta dei Tedeschi appartenente agli eredi del fu Sig. Francesco Tedesco. In detta Chiesa vi sono tre altari di marmo dei quali quello a sinistra di chi entra è dedicato a S. Francesco d'Assisi, di cui vi è la statua e quello a destra, che fa simmetria con quello a sinistra è dedicato a S. Vincenzo Ferreri, di cui vi è la statua sita su detto altare in una nicchia di fabbrica munita di telaio con lastre; dopo detti altari viene una balaustra dì marmo con cancello di ferro da cui incomincia il Presbitero dopo del quale viene l'altare Maggiore a due gradini tutto di marmo, detto altare è dedicato alla Madonna del Suffragio di cui v'è il quadro sito dietro detto altare e in punto elevato. Gli arredi e le biancherìe l'abbiamo trovate in regola. Abbiamo imposto di comprare le messe votive e quelle dei santi novissimi, che mancano ad ambedue i messali".
Trascorso più di mezzo secolo dalla sua costruzione, il pio luogo viene ampliato e ristrutturato nel 1934 ad opera del sig. Giuseppe Tedesco, nipote del fondatore Vincenzo.

Tela d'altare della SS. Vergine del SuffragioII dipinto presente nella chiesa della SS. Vergine del Suffragio, va attribuito a Paolo de Majo, discepolo di Francesco Solimena. Nato il 15 gennaio 1703 a Marcianise (CE) da Chiesa  Vergine del Suffragio Marra Giovanni Pietro ed Ovidia de Izzo, il De Majo frequenta l'Accademia del Solimena già dagli anni '20 e a dire del De Dominici "è stato uno de scolari che con assiduità hanno assistito alla scuola e benché non sia giunto ai valori de più eccellenti, ad ogni modo sì porta bene, e non gli mancano continuamente delle faccende" (De Dominici, Vite de pittori, scultori, architetti, Napoli 1742-45, tomo III, pag. 709). L'attribuzione della "Madonna" di Marra al De Majo è basata su alcune affinità con altre opere dell'artista quali la Probatica Piscina del Duomo di Marcianise. In questo dipinto la figura dell'angelo in volo è simile a quella che tenta di salvare le anime del Purgatorio della tela di Marra. Inoltre la figura della Vergine è esemplata su quella presente nella Sacra Famiglia della chiesa dei Padri della Missione ai Vergini di Napoli.
L'opera rappresenta un momento fondamentale delle impartizioni della Chiesa nei riguardi degli artisti che dovevano proporre tematiche sacre con toni meno drammatici ed unire santità e bellezza celeste ad umane figure. Nella raffigurazione delle anime in attesa di salire alle glorie del Paradiso non c'è drammaticità per la pena del fuoco del Purgatorio, ma un clima di pacata e fiduciosa attesa, mentre il San Vincenzo Ferreri raffigurato con lineamenti delicati e giovanili, indica l'osservanza delle leggi in chiaro messaggio d'arte propagandistica devozionale della Chiesa che, attraverso tali opere, cerca di dettare modelli comportamentali.

Era il 1965, allorché la Cappella Gentilizia della famiglia Tedesco fu donata alla Curia di Nola per dar vita ad una Parrocchia in questo vasto territorio, che va dall'estrema periferia di Boscoreale (NA) a quella del Comune di Scafati (SA), fino al Ponte di San Marzano Sul Sarno, e parte del Comune di Poggiomarino (NA).
Chiesa  Vergine del Suffragio Marra La Cappella, una volta chiamata popolarmente la "Chiesa di S. Francesco a Marra", viene dedicata alla "SS. Vergine del Suffragio" e costituita Parrocchia .
La necessità, però, di creare un vero complesso parrocchiale si fa sempre più urgente, data la notevole crescita della popolazione. 
La Comunità tutta coesa nello slancio di dotarsi di una nuova, ampia struttura contribuisce alla sua costruzione e il 24 novembre 2001 l'Arcivescovo della diocesi di Nola procede alla Consacrazione della Nuova Chiesa dalle forme marcatamente moderne ma ricche di richiami alla tradizione (come il rosso pompeiano degli esterni)e le strutture ad Y che sottolineano la spinta verso l'alto e pur nella semplificazione della geometria richiamano le sembianze della figura del Cristo che sorregge la sua chiesa
L'aula ha una superficie netta di 620 mq per un altezza di quasi 12 m; la larghezza dai 12 m all'ingresso del presbiterio si allarga a 22 al centro per poi ridursi a 14 sulla facciata principale.

Ultima modifica

venerdì 26 settembre 2014

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Comune di Boscoreale
Piazza Pace 1 - 80041 Boscoreale(NA)
Centralino: 081 8574111
P. IVA 82008410639

Il sito Istituzionale del Comune di Boscoreale è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Il progetto Comune di Boscoreale è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it